Antonio Rosmini e il collegio medico di S. Raffaele

Antonio Rosmini e il collegio medico di S. Raffaele

Prezzo di listino $14.00 $0.00 Prezzo unitario per
Autore: Mario Pangallo
Sottotitolo: Errore di valutazione o progetto illusorio?
ISBN: 9788889913161
Pagine: 1164 in tre tomi (rispettivamente 272, 448, 440 pagine)
Data di pubblicazione: Maggio 2007
In poche parole: Storia dell’opposizione della Curia Romana alla costituzione del Collegio medico S. Raffaele da parte di Rosmini; con documenti dell'epoca a corredo dell'esposizione.

Per Rosmini la Carità è unica nella sua essenza e trina nelle sue forme di Carità materiale, intellettuale e spirituale. Tuttavia vi è un’opera non letteraria, ma sociale, ispirata alle tre forme di carità, che non ha ancora ricevuto un adeguato approfondimento: si tratta del Collegio medico di S. Raffaele che avrebbe portato ad uno sviluppo della ricerca scientifica e divulgativa nel campo specifico della medicina. La Curia romana entrò, a parere di Rosmini senza che ce ne fosse bisogno, nel lento processo costitutivo della facoltà medica e dapprima ne rallenta l’istituzione, quindi ne inibisce il processo costitutivo e da ultimo ne proibisce l’attuazione. Su quali presupposti si muove l’ostruzionismo della curia romana? Si poggia su leggi canoniche precise? Sono legittime le sue dilazioni su basi di nuove e ulteriori chiarificazioni? Rosmini giungerà alla conclusione che l’ostruzionismo curiale è legato unicamente alla diffidenza che i cardinale nutrono nei suoi confronti e alla loro disapprovazione del suo pensiero teoretico. Dov’è la verità? Lo studio portato avanti in questo saggio si inserisce in questa diatriba per verificare se i documenti a disposizione sono sufficienti a esplicitare una esauriente, veritiera e definitiva risposta.


 


Condividi questo prodotto